BOLLETTINO PANNA

CLC - Compagnia Lattiero Casearia

Quotazioni settimanali, mensili e annue di panna, burro e crema di latte

Come il prezzo del latte, anche quello della panna varia in funzione di alcuni parametri predeterminati che vengono calmierati con il meccanismo dell’indicizzazione. Come si legge sul sito del CLAL, istituto indipendente che analizza l’andamento del mercato lattiero caseario, viene definita: “Crema di latte o panna: il prodotto ottenuto dal latte con tenore minimo, in peso, di grassi lattieri del 10%” (ai sensi del riferimento normativo comunitario OCM 1234_2007, Allegato XV – Capo III- Punto1). Utilizzata in caffetteria, in cucina e in pasticceria, la panna può essere caratterizzata da tenori variabili di materia grassa che oscillano dal 10 al 30%. Per verificare il prezzo corrente della panna sul mercato del latte, è possibile consultare in qualsiasi momento il bollettino panna fornito dal CLAL, che indica i prezzi settimanali, mensili e annui del latte alla stalla, del burro, della panna e degli altri latticini in Italia, in Europa e nel mondo.

Leggi tutto...

Il bollettino panna e il mercato del latte: cosa è cambiato

Nell’ultimo decennio, il mercato del latte ha attraversato fasi alterne che hanno visto scendere e poi risalire i prezzi di quotazione del latte alla stalla, del siero, delle polveri di latte, dei formaggi, del burro e della panna. Tra i fattori di maggior impatto sul settore lattiero-caseario e sulle sue quotazioni, indubbiamente l’ingresso di nuovi competitor nella fattispecie delle alternative vegetali al latte e la maggior richiesta di prodotti lattosio-free dal punto di vista del consumo, mentre in sede legislativo-produttiva un cambio di passo del settore è avvenuto dal 2009, quando i prezzi alla stalla e le quantità offerte sul mercato sono entrati in una lunga fase di oscillazione che sembra finalmente avviarsi a maggior stabilità.

Dopo aver raggiunto i livelli minimi di 30 cent/l (a fronte di un costo medio di produzione stimato intorno ai 40 cent/l), dalla fine del 2016 il prezzo del latte alla stalla ha infatti finalmente cominciato a registrare dati positivi, tornando ad assestarsi su quotazioni più eque per i consumatori e per i produttori. Prezzi di stalla troppo bassi significano infatti inevitabilmente l’asfissia per un comparto da sempre trainante nel settore agroalimentare italiano. A partire dal 2016 e in modo più deciso nel 2017, anche il prezzo della panna ha raggiunto livelli dignitosi, mentre sono aumentati i quantitativi di panna e burro destinati alle esportazioni, dando inizio al trend positivo registrato dal bollettino panna del CLAL.

 

Azienda produttrice ed esportatrice di latte e panna in tutta Italia

Nonostante la concorrenza della panna vegetale, dopo i primi scossoni il valore della panna è tornato a riflettere un trend in crescita, fotografato con chiarezza dal bollettino panna aggiornato su base annuale, mensile e settimanale dal CLAL: fondamentali per rispondere con efficacia alla guerra dei competitor vegan si rivelano la qualità della materia prima, la garanzia sull’origine e la trasparenza della filiera. Importanti fattori di contrasto alla diminuzione della domanda interna di latte e prodotti a base latte sono stati la capacità dei produttori di reagire alle nuove richieste del mercato e la qualità assoluta della materia prima e delle tecniche di lavorazione.

Per distinguersi sul mercato del latte, il cui pubblico è stato in parte eroso dall’instaurarsi di nuove abitudini di consumo ormai giunte a stabilizzarsi, gli operatori del settore lattiero-caseario devono poter contare su fornitori affidabili e puntuali di materie prime di qualità verificata e certificata, come i prodotti a base latte venduti ed esportati in tutto il mondo dalla CLC di Roccafranca (BS). L’azienda lombarda produttrice ed esportatrice di latte e prodotti a base latte opera applicando protocolli di verifica e gestione delle procedure produttive e della qualità del prodotto, tesi a garantire sicurezza e legalità del prodotto in accordo con i requisiti di legge nazionali, comunitari e di tutti i paesi importatori.